saldi estate 2016

Saldi estate 2016: i 10 comandamenti per approfittarne al meglio

Domani 2 luglio 2016 parte ufficialmente in Italia  (in basso il calendario ufficiale regione per regione) l’attesissima stagione dei  saldi estivi o sarebbe meglio definirlo valzer.  Perchè dico con non poco fastidio valzer? Qualche consumatrice più attenta come me avrà sicuramente notato alcuni bizzarri sali-scendi dei prezzi sui cartellini degli abiti o oggetti a cui fa la corte da molto tempo. Quello dei prezzi gonfiati e sgonfiati prima e durante i saldi è una delle tante trappole che attendono le consumatrici. Un fenomeno talmente frequente che occorre frenare l’eccessivo entusiasmo e sete di “affari” e fare mente locale. Un piccolo sforzo in più che può regalarci delle reali soddisfazioni.

Come ogni anno dunque è bene fare un po’ di training autogeno da saldi e tenere bene a mente questo semplice decalogo proposto da Federconsumatori e Adusbef (Associazione difesa consumatori ed utenti bancari, finanziari ed assicurativi).

  1. Verificare prima della partenza dei saldi il prezzo pieno del prodotto che si intende comperare, se possibile, anche fotografandolo con il telefono cellulare per avere una testimonianza certa. Solo in questo modo sarà possibile valutarne la reale convenienza.
  2. Non fermatevi mai davanti alla prima vetrina, girate più negozi, confrontate i prezzi e, in ogni caso, orientatevi verso beni o prodotti che vi servono veramente.
  3. Diffidate dalle vetrine tappezzate dai manifesti (che non vi consentono di vedere la merce) o che reclamizzano sconti eccessivi, pari o superiori al 60%.
  4. I prodotti venduti a saldo devono essere sì di fine stagione, ma di questa stagione, non di quelle passate! La merce di risulta o di magazzino non può essere mescolata con i prodotti in saldo, ma dovrà essere venduta separatamente;
  5. Leggete bene il cartellino! Su ogni prodotto deve essere indicato, obbligatoriamente ed in modo chiaro e leggibile, il vecchio prezzo, quello nuovo e il valore in percentuale dello sconto.
  6. Non esiste l’obbligo di far provare i capi, ciò è a discrezione del negoziante. Il consiglio è, comunque, quello di diffidare nel caso di capi di abbigliamento che si possono solo guardare ma non provare.
  7. I commercianti in possesso del POS hanno l’obbligo di accettare il pagamento con carte di credito o bancomat.
  8. Conservate sempre lo scontrino quale prova di acquisto. Sarà indispensabile in caso di merce fallata o non “conforme”, in quanto obbliga il commerciante alla sostituzione o al rimborso di quanto pagato.
  9. Problemi o “bufale” devono essere subito denunciate ai vigili urbani, all’ufficio comunale per il commercio o ad una Associazione dei Consumatori.
  10. Per non farvi prendere troppo dall’entusiasmo, in ogni caso, stabilite sempre un budget massimo per il vostro shopping.

E tu conosci veramente le regole d’oro dei saldi?

Conoscere i saldi per approfittarne davvero!” E’ questo il monito che Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC) propone ai consumatori attraverso il sondaggio “Saldi: e tu, li conosci?”  disponibile sul sito dell’associazione e sui canali Facebook  e Twitter .

Ogni anno ai nostri sportelli giungono numerose segnalazioni da parte di consumatori che chiedono il nostro aiuto perché non conoscono a fondo la normativa che regolamenta i saldi. Per mettere alla prova le proprie conoscenze ed accrescere la consapevolezza sui propri diritti” precisa  Dona “abbiamo allora voluto lanciare un sondaggio inserendo tra le domande quelli che rappresentano i dubbi più frequenti dei consumatori: da come deve essere fatto un cartellino a norma alla possibilità o meno di pagare con carta di credito anche in periodo di saldi; dal sapere se i saldi vanno applicati o meno a tutta la merce presente in negozio all’eventuale diritto di chiedere la sostituzione di un prodotto difettoso“.

 

Calendario saldi estivi 2016

 

Abruzzo: dal 2 luglio al 30 agosto

Basilicata: dal 2 luglio al 2 settembre

Calabria: dal 2 luglio al 1° settembre

Campania: dal 2 luglio al 30 agosto

Emilia Romagna: dal 2 luglio al 30 agosto

Friuli Venezia Giulia: dal 2 luglio al 30 settembre

Lazio: dal 2 luglio per sei settimane

Ligura: dal 2 luglio al 15 agosto

Lombardia: dal 2 luglio al 30 agosto

Marche: dal 2 luglio al 1° settembre

Molise: dal 2 luglio al 30 agosto

Piemonte: dal 2 luglio per 8 settimane anche non consecutive

Puglia: dal 2 luglio al 15 settembre

Sardegna: dal 2 luglio al 30 agosto

Sicilia: dal 2 luglio al 15 settembre

Toscana: dal 2 luglio al 30 agosto

Umbria: dal 2 luglio al 30 agosto

Valle d’Aosta: dal 2 luglio al 30 settembre

Veneto: dal 2 luglio al 31 agosto

Alessandra

Alessandra

Dov'è finita Alessandra? Se ve lo state chiedendo non preoccupatevi! Sono solo immersa in una SERP di Google alla ricerca delle ultime novità in materia di nuovi media, cinema, ambiente e viaggi ...da condividere con le amiche di EVEN of course!!

More Posts

Follow Me:
TwitterLinkedIn

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Comments

comments