pc-girl

Anticipare i soldi è out…la colletta si fa online!

Quindi, giusto per capire. Io che invio mail ai colleghi con oggetto “compleanno Viviana” o creo gruppi su what’s app “addio al nubilato Giulia” sono oggettivamente out! Quindi volete farmi credere che quell’attività scomoda che si è soliti chiamare “raccolta quote” ma che sappiamo bene scadere spesso in una forma di elemosina con tanto di reminder innervositi neanche stessimo riscuotendo il pizzo…beh mi state dicendo che ormai è arrivata al capolinea?

A quanto pare sì! Che già da un tot in Italia siano stati lanciati sistemi tutti digital per la creazione di collette online lo sapevo, ma che stessero realmente prendendo piede, vista la tendenziale avversione al cambiamento (specialmente quando si tratta di soldi!), beh questo un po’ mi sorprende. Sarà mica perché la gente è stufa di rimetterci ogni volta almeno 20-30 euro a regalo?

techprincess_collettiamo

Mi sono avventurata sui 3 principali siti che offrono il servizio di colletta: Collettiamo, Splitit Growish.

Al netto di grafiche più o meno accattivanti e qualche opzione distintiva, la storia è abbastanza simile. Si atterra sul sito, si da il nome alla propria colletta, si seleziona l’evento (compleanno, lista di nozze, congedo dal lavoro…e persino cerimonia funebre!), si butta giù un testo da inviare ai partecipanti (che possono anche non essere iscritti alla piattaforma!) e si associa una foto alla colletta.

Poi si procede con la personalizzazione, decidendo ad esempio se stabilire un giorno limite per la raccolta dei fondi, se fissare una cifra o lasciare libera l’offerta. Gli invitati partecipano tramite carta di credito o carta prepagata e il denaro raccolto nella colletta, nel caso di Growish, è custodito in un innovativo portafoglio virtuale di proprietà dell’organizzatore. Negli altri due casi, invece, il denaro viene congelato fino alla richiesta di trasferimento sul proprio conto che avviene con uno o più bonifici, gratuiti nel caso di Collettiamo. Lato commissioni, il servizio di raccolta comporta un piccolo onere che viene spalmato sulle quote dei partecipanti o, opzionalmente, sopportato interamente dall’organizzatore.

Il link della colletta creata può essere condiviso tramite Facebook, WhatsApp, e-mail ed sms, invitando a partecipare persone ovunque si trovino nel mondo. Possono essere impostati reminder e invitati ulteriori partecipanti in corsa. 

splitit_collette_online

Carina l’opportunità data da Splitit di creare una colletta-prova senza necessità di registrarsi, così come il servizio offerto da Growish di scegliere il regalo tra i suoi partner per farlo recapitare direttamente a casa del festeggiato. Naturalmente, come ben evidenziato sul sito di Growish, la colletta può essere organizzata anche per sé stessi, con obiettivo economico ben chiaro!!!

Sulla scia dei servizi contro il panico da regalo, di recente è nato anche Opengift, un vero e proprio social network (sito web e app per smartphone e tablet) pensato per ricevere e fare regali azzerando il rischio fallimento…un po’ come le classiche liste di nozze! Solo che in questo caso la lista (o le liste..) sono online e visibili solamente agli amici. 

Ci sono diversi modi per usufruire del servizio: selezionare un oggetto da un sito esterno e importarlo in OpenGift, caricare un link da internet, o più semplicemente inserire un’immagine, un titolo e una descrizione (con specifiche su colori, taglie, modelli…). Si può poi impostare la durata della prenotazione per evitare ad altri di “rubarti l’idea”.
E anche questa volta, nulla è lasciato al caso, dovesse il regalo risultare troppo caro da affrontare singolarmente…vai con la colletta!!!

 

 

 

 

 

 

 

an

Valentina

Valentina

Nasco a Roma, dove mi occupo di product development per una grande compagnia assicurativa. Sogni? Sì, aprire un ristorante. Nel frattempo viaggio lontano, leggo John Fante e riscopro Twin Peaks. Inevitabilmente attratta dalle contraddizioni della società contemporanea, mi piace osservarne le sfumature e giocarci con ironia. "See, i’m stuck in a city, but i belong in a field".

More Posts

Follow Me:
Twitter

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Comments

comments